ESOTERICA - A cura di Attilio Mazza
Tutti i diritti riservati

LA STORIA FONDAMENTO DELLA TRADIZIONE



Sonia Luzzati, Roberto Della Rocca, «Ebraismo», Electa, collana Dizionari delle Religioni, 336 pagine, 320 illustrazioni, € 20

Dopo i dizionari Electa dedicati alle religioni islamica e buddhista, ecco quello sull’ebraismo, terzo volume della collana curata da Matilde Battistini, critico d'arte specializzata nei rapporti tra la filosofia e le arti nel Novecento. Anche il nuovo dizionario segue il filo conduttore che lega fra loro le immagini e i testi non con cadenza cronologica o stilistica, ma pertinente ai contenuti storici, filosofici e teologici attraverso icone esemplari in grado di spiegare visivamente concetti talvolta difficili anche alla gente comune. Sotto gli occhi del lettore si susseguono, quindi, opere d’arte, miniature e manoscritti, oggetti e luoghi di culto: un ricco corredo iconografico e fotografico dedicato ai gesti, alle pratiche, ai simboli e ai protagonisti della vicenda trattata. Il volume sull'ebraismo assume particolare significato di attualità in questo momento di forte tensione per la contesa della terra di Palestina.
Autori del dizionario, Sonia Luzzati e Roberto Della Rocca sono esperti della religione ebraica e con felice sintesi chiariscono al lettore i dubbi illustrando la storia di una religione tra le più antiche. Da Abramo ai nostri giorni l’opera indaga, infatti, i contenuti teologici e i principi fondanti dell’ebraismo (la concezione di Dio, del mondo, dell’uomo e della comunità); la diffusione della religione nel mondo e nella storia; i testi sacri e l’esegesi talmudica; le diverse correnti di pensiero (dalla kabbalà al sionismo), i simboli e le pratiche rituali (dalla menorà al maghen David, dal bar mitzvà al kippur) che animano le vicende e le consuetudini del popolo ebraico.
Può essere curioso ricordare che nella tradizione ebraica la parola chiave per fissare gli eventi è zachor, ricorda. Tale verbo ricorre nella Bibbia ben 222 volte e ha per soggetto Israele o Dio. La memoria, dunque, per richiamare l’importanza della storia sulla quale si fonda la tradizione di una religione fra le più straordinarie.